Calice e Lama #3

Beh, sì, confesso: una volta letto “Il codice Da Vinci”, come non filtrare qualsiasi esperienza estetica del Louvre attraverso le più o meno verosimili allucinazioni di Dan Brown?

In questa e qualche altra fotografia ho dunque giocato a cercare forme che richiamassero il maschile e femminile, il “calice e lama” del browniano Langdon, ma anche yin e yang, Apollo e Artemide, Shiva e Parvati… Chi più ne ha…

Il riflesso è forse una delle forme preferite dagli architetti nella storia per riunire gli opposti. Di recente ho scoperto, da un documentario del National Geographic, che i giardini del Taj Mahal ad Agra, India, sono stati disegnati per simboleggiare il mondo terreno, contrapposti a quello celeste incarnato nel mausoleo. Caso vuole che il mausoleo sia riflesso nell’acqua dei giardini, come un’idea platonica proiettata sulla terra.. Perché non divertirsi un poco anche con il promiscuo simbolo parigino, allora?

3 comments on “Calice e Lama #3”

  1. Complimenti! Ottima inquadratura!

  2. Very nice image and processing – we can feel the serenity and silence – nicely done !


Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s